capelli al sole

Il sole rende i capelli più luminosi ma li aggredisce e li sfibra. Con i nostri consigli e le strategie fai-da-te puoi, però, trasformare le vacanze in una vera remise en forme evitando aridità, colori opachi e chiome sfibrate, tipici del dopo-mare.

Capelli al sole: strategie anti UV

La sfida: evitare i danni dei raggi solari e della salsedine. La soluzione: 7 semplici gesti di cura. E 7 prodotti mirati da usare nel modo giusto

1. Taglia le doppie punte

Hai i capelli lunghi e deboli sulle lunghezze? Prima di partire vai dal parrucchiere per regolare il taglio.

«Se le punte sono già sfibrate e disordinate, i raggi solari possono spezzarle definitivamente» spiega Christian Colombo, hair stylist milanese. «Altrimenti fai molta attenzione in spiaggia: stendi un gel protettivo e “sigillante” sulla parte finale di ciascuna ciocca, massaggialo accuratamente e applica di nuovo il prodotto ogni due, tre ore».

2. Scegli il detergente

La sera lava la chioma con uno shampoo doposole specifico. «Il sale, se non viene eliminato subito, si deposita tra le squame dei capelli e catalizza le radiazioni solari anche il giorno seguente» spiega Dario Caruso, hair stylist titolare del salone Aveda Caruso Portaromana 131 di Milano.

«Dopo il lavaggio, se hai i fusti lunghi e trattati, applica tutti i giorni una maschera restitutiva. Per le chiome naturali e in buona salute, invece, è sufficiente un po’ di balsamo sulle punte e un impacco di qualche minuto con un prodotto ristrutturante da fare al massimo una volta alla settimana».

3. Metti sempre uno schermo UV

Esattamente come proteggi le altre parti del corpo, fai lo stesso con i capelli e applica un filtro specifico dopo ogni bagno in mare. Il prodotto migliore? «Dipende dal tipo di capelli» risponde Christian Colombo. «Se li hai fini, scegli un olio; il gel, invece, va bene per scolpire un taglio corto, mentre le texture in latte sono adatte alle chiome disidratate». Per disciplinare onde e ricci prova un olio naturale (di argan, jojoba, avocado, tutti molto nutrienti) oppure una mousse, se ti piace un effetto morbido e setoso.

Per le creme viso/corpo c’è l’Spf, sui prodotti per i capelli adesso, invece, puoi trovare il Kpf (Keratin Protection Factor), che ti indica la percentuale di protezione della cheratina dai raggi solari.

Da sinistra: 1. Urbancare Sun Therapy Gelée Solaire Multifonctions di Jean Louis David (20 euro, in salone) è indicato per i capelli secchi. 2. Gel Protettivo Modellante Sun Cellule Staminali Vegetali di Blu Orange (7,90 euro) modella le ciocche e le protegge dai raggi Uv. 3. Olio Protettivo Capelli di Lichtena Sole (16,80 euro) evita che il colore sbiadisca o viri. 4. Fluide d’Été Protecteur di Rene Furterer (18,10 euro) ha un Kpf 90.

4. Bagna le lunghezze

Sciacqua i capelli con l’acqua dolce prima di tuffarti: in questo modo crei una specie di rivestimento che impedisce al sale di essere assorbito completamente dalla fibra capillare. «Allo stesso modo eviti anche che la salsedine danneggi il tuo colore facendolo virare verso tonalità improbabili» dice Dario Caruso. «Ricordati poi, di ripetere il risciacquo dopo il bagno, soprattutto in piscina, visto che il cloro è ancora più aggressivo».

5. Usa la spazzola con dolcezza

Pettinare i capelli delicatamente è una regola da rispettare sempre, a maggior ragione se le ciocche sono bagnate e si spezzano più facilmente. «Preferisci una spazzola di legno naturale a setole morbide» consiglia Christian Colombo. «Il pettine, soprattutto quello a denti fitti, può essere troppo aggressivo, se i capelli sono annodati». Evita gli accessori in plastica che possono accentuare l’effetto crespo: meglio quelli di carbonio.

6. Porta i capelli raccolti

Chignon, trecce, code di cavallo: in spiaggia quest’estate puoi sbizzarrirti con la fantasia. «Raccogli i capelli, così sono più riparati dalle aggressioni di sole e sale» spiega Dario Caruso. «Ma non utilizzare elastici troppo stretti, altrimenti rischi di spezzare le ciocche. Meglio puntarli sempre in modo morbido» dice l’hair stylist. Se fai lo chignon, piega le punte verso l’interno per proteggerle. La treccia (anche più di una) è una pettinatura a “doppio uso” perché, una volta sciolta, regala un effetto waved molto trendy, mentre la coda è adatta soprattutto a chi ha i capelli lisci.

7. Indossa un cappello

È un’ottima soluzione per difendere la chioma dai raggi solari, in particolare nelle ore più calde (ne scherma fino al 40 per cento). «Se hai eseguito una colorazione molto intensa diventa un gesto fondamentale» dice Christian Colombo. «Per esempio, se hai i capelli rossi eviti che una nuance così vivace possa scaricare e assumere un tono arancione poco gradevole».

Il cappello più indicato? «Vanno bene tutti i modelli, dal berretto da baseball al turbante, molto glamour» risponde Colombo. «Stai attenta a quelli in paglia perché lasciano filtrare il sole. A ogni modo, sotto, applica sempre un prodotto con un fattore di protezione».

Effetto bagnato da passerella

Ti piacciano le pettinature effetto bagnato che vanno di moda adesso? Ecco come realizzarle. Sui capelli umidi, applica un gel spray (se li hai secchi, prova una mousse strong) e tirali tutti indietro. Per fermare l’acconciatura, usa il cerchietto a pettine o a zig-zag. Con un’acconciatura così il focus è sugli occhi: esaltali con un ombretto nelle tinte silver o bronze.

Sfilata Herve Leger

Capelli curati al tramonto

Anche i capelli hanno bisogno di coccole speciali dopo il sole. Gli after-sun per la chioma vanno distribuiti bene e massaggiati su tutte le lunghezze.

Shampoo Riparatore Doposole Solaire di Biopoint (9,36 euro) è adatto per lavaggi frequenti; Sun Shine Fluido Emolliente Corpo e Capelli di Biomed (11,90 euro) contiene olio di argan, crusca e riso; Intense Hydrating Mask di Maroccanoil (36 euro) agisce in soli 5 minuti.

Riproduzione riservata
dmbeauty

2.610 posts 426k followers

Make up your life

Beauty cards