Individuare il sottotono della pelle diventa un gioco divertente con la nostra guida

Ti sei mai chiesta perché brilli con certi colori e sembri spenta con altri, nonostante lo stesso numero di ore di sonno? E che dire del fondotinta sbagliato? Tutta colpa del sottotono! Scopri come capire qual è il tuo!

Capire il sottotono della pelle è molto importante per scegliere la giusta nuance di fondotinta in primis, di tutti gli altri trucchi in un secondo momento. Non solo, serve anche a non sbagliare tinta di capelli e colore di accessori e abiti. Il fine è valorizzare la nostra immagine, sentendosi in armonia con i colori indossati, che siano di make-up o di abbigliamento. È empiricamente provato che se indossiamo un colore che ci sta bene, ci vediamo più fresche e riposate. Viceversa, un colore che ci dona poco ci spegne, anche se usciamo da un sonno ristoratore di 9 ore!
Sapere a quale sottotono di pelle si appartiene serve proprio a questo: brillare di luce propria. Curiosa di scoprire il tuo? Ecco i nostri suggerimenti.

Un esempio di carnagione scura dal sottotono caldo
Un esempio di carnagione scura dal sottotono caldo

Sottono della pelle: che cos'è

Prima di capire come individuare il proprio sottotono di pelle, vale la pena darne una spiegazione. Di cosa si tratta? Come dice la parola stessa, il sottotono è una sorta di "ombra" sotto la pelle che emerge a prescindere dalla carnagione, chiara o scura. In altri termini, il sottotono viene definito come la temperatura della pelle, e infatti fa riferimento a caldo e freddo. Dal punto di vista anatomico (altisonante, ma è così!), il sottotono è dato dalla combinazione di carotene, melanina ed emoglobina, aspetti che conferiscono appunto la gradazione di "calore" cromatica alla pelle. Per questo motivo, il sottono della pelle può leggermente cambiare, divenendo più freddo o più caldo, a seconda dell'alimentazione o dello stato di salute. Hai mai notato che l'eccesso di betacarotene fa sembrare gialline? O che un'eventuale tendenza all'anemia rende la pelle quasi grigiastra?

Un esempio di mora con carnagione scura dal sottotono freddo
Un esempio di mora con carnagione scura dal sottotono freddo

Alcune precisazioni sul sottotono

Alcune persone associano il sottotono caldo al beige/giallo e il sottotono freddo al bianco/rosa. Anche se in linea di massima è così, sarebbe meglio non fissarsi su questa distinzione, poiché potrebbe essere fuorviante.
Un'altra associazione errata del sottotono è quella riferita alla carnagione: alcune persone pensano che essere more vuol dire essere calde, ed essere bionde, invece, avere un sottotono freddo. Nella realtà, le due tipologie coesistono e si scambiano vicendevolmente le "temperature" della pelle.

Un esempio di mora con carnagione chiara dal sottotono freddo
Un esempio di mora con carnagione chiara dal sottotono freddo

Come capire qual è il sottotono della propria pelle?

Esistono vari metodi: il più diffuso prevede di osservare le vene del polso, se tendono al verde, si ha un sottotono caldo; se, invece, sono bluastre, si ha un sottotono freddo. Ma è un test di dubbia interpretazione, visto che alcune carnagioni sono più trasparenti di altre, e il colore delle vene non è poi così netto.

Un altro test riguarda il colore delle orecchie e delle labbra: chi ha colori caldi, alla luce del sole appare con labbra color pesca e orecchie giallastre; mentre chi ha colori freddi, appare con labbra violacee e orecchie più rosate.

Restando nei tratti anatomici del volto, un altro metodo di comprensione del proprio sottotono fa riferimento alla sclera, cioè il bianco dell'occhio. Di solito, è bianchissimo nelle persone con sottotono freddo, e avorio nelle persone con sottotono caldo.

Un esempio di carnagione scura con sottotono freddo
Un esempio di carnagione scura con sottotono freddo

Sottotono freddo e caldo: le differenze

Desideri ulteriori conferme? Cerca di ricordare che aspetto ha la abbronzatura: se sin dai primi giorni di sole diventi dorata o ambrata, appartieni alla "categoria" calda; se, invece, resti sul mattone o marrone spento, nel caso fossi olivastra, sei decisamente fredda. E in inverno? Una carnagione dal sottotono caldo non diventa mai veramente pallida, al contrario di una carnagione con sottotono freddo che può assumere un colorito lunare nel migliore dei casi, anche grigio-verde nel peggiore!

Accostare al viso tessuti in colori freddi o caldi può aiutare a determinare ulteriormente il proprio sottotono: il colore giusto rifletterà nello specchio un'immagine illuminata, al contrario di quello sbagliato che ci spegnerà all'istante.

Persino i gioielli sono un chiaro indizio di sottotono: chi ha colori freddi sta bene con l'oro bianco o l'argento, al contrario dell'oro giallo o rosa che invece dona alle persone con colori caldi.

Un esempio di carnagione chiara con sottotono caldo
Un esempio di carnagione chiara con sottotono caldo

Come scegliere il fondotinta in base al sottotono?

Il principio di base per non sbagliare è assecondare la propria temperatura. Quindi, il sottotono freddo starà bene con fondotinta avorio o rosati e il sottotono caldo con fondotinta sul beige e arancio. Scambiarli, equivarrebbe a spegnere l'incarnato. Come riconoscerli? Alcune case cosmetiche, accanto al codice del colore inseriscono una lettera che indica proprio il sottotono. Ad esempio: C sta per Cold, freddo; e W sta per Warm, caldo, N per Neutral, cioè che sta bene a entrambe le categorie.

Un esempio di sottotono neutro
Un esempio di sottotono neutro

Esiste il sottotono neutro?

In teoria, sì, ma è raro che una persona abbia un sottotono né caldo né freddo. Si può definire il sottotono neutro come quello in cui nessuna delle due temperature spicchi con prevalenza. Ed è il caso più fortunato, perché vuol dire che si starà bene con tutti i colori!

Armocromia: il test per scoprire che stagione sei e quali colori sono perfetti per te

VEDI ANCHE

Armocromia: il test per scoprire che stagione sei e quali colori sono perfetti per te

Riproduzione riservata
dmbeauty

3.055 posts 449k followers

Make up your life

Beauty cards