Recup, l'associazione contro lo spreco alimentare
Recup, l'associazione contro lo spreco alimentare

Terre de Femmes di Yves Rocher giunge alla quinta edizione e premia la sostenibilità

Recupero alimentare, difesa dei delfini e aiuto a un orfanotrofio in Tanzania i progetti premiati dalla Fondazione Yves Rocher nell'edizione 2020-21

Quinta edizione per il premio Terres de Femmes della Fondazione Yves Rocher, un'iniziativa che dà l'opportunità a donne intraprendenti di realizzare progetti a favore del Pianeta. Non solo salvaguardia dell'ambiente, ma anche aiuto concreto alle comunità più disagiate. Senza tralasciare i concetti chiave di sostenibilità e inclusione da ogni punto di vista.

74 le candidature arrivate quest'anno, 10 le finaliste e 3 le donne premiate. Tutti i progetti in gara contribuiscono al miglioramento delle condizioni ambientali globali e la biodiversità.

Scopriamo insieme le vincitrici di questa edizione!

Primo posto: Rebecca Zaccarini - Progetto "Recup"

L'impegno di Rebecca Zaccarini è quello di abbattere lo spreco alimentare, recuperando gli scarti dei mercati ortofrutticoli, ritenuti invendibili per motivi estetici. Il progetto si chiama Recup, che è il nome dell'associazione da lei fondata nel 2016, e operativa a Milano. Dal 2016 la frutta e la verdura recuperate ammontano a quasi 100 tonnellate.

Recup, recupera frutta e verdura e la distribuisce gratuitamente a chi ha bisogno
Recup, recupera frutta e verdura e la distribuisce gratuitamente a chi ha bisogno

Il premio di 10.000 euro permetterà di continuare l’attività di recupero dei prodotti altrimenti persi presso l'Ortomercato di Milano, per poi distribuirli a persone bisognose. Coinvolgerà, inoltre, persone che necessitano di essere reinserite nella società. E proseguirà a sensibilizzare i ragazzi delle scuole secondarie di secondo grado.

Secondo posto: Jessica Alessi - Progetto sulla conservazione dei giganti del canale di Sicilia

Jessica Alessi esplora e monitora le acque del Canale di Sicilia per conoscerne meglio la fauna, in particolare i cetacei. L'obiettivo è quello di indagare sullo stato di salute dei delfini, per tutelarne la sopravvivenza, minacciata dalle attività di pesca illegale, trivellazioni, eccessivo inquinamento, turismo, disturbo acustico ecc.

I delfini del Canale di Sicilia
I delfini del Canale di Sicilia

Il premio della Fondazione Yves Rocher, pari a 5000, euro verrà utilizzato per coprire le spese necessarie a portare avanti la ricerca scientifica, incrementando l’equipaggiamento dell’imbarcazione e attrezzandola per la navigazione di altura. Verranno inoltre implementate le azioni di divulgazione rivolte ai giovani e bambini, con un programma di didattica a bordo.

Terzo posto: Daniela De Donno - Progetto orti di famiglia per Sanganiwa

Si chiama «Sanganigwa Children’s Home» il progetto ideato da Daniela De Donno, e offre aiuto a un orfanotrofio in Tanzania, minacciato dalla scarsa disponibilità di acqua. In gioco c'è la capacità produttiva degli orti. L'aiuto consiste nell’implementazione di strumenti per irrigare gli orti, e nella piantumazione di alcune erbacee perenni, al fine di contenere la malaria.

Daniela De Donno con i bambini dell'orfanotrofio di Sanganigwa
Daniela De Donno con i bambini dell'orfanotrofio di Sanganigwa

Il premio, di 3000 euro, sarà indispensabile per provvedere alla realizzazione delle opere di consolidamento della rete idrica, in modo da aumentare la disponibilità di acqua e consolidare l’incremento della produttività ortofrutticola. Così i bambini potranno avere alimenti garantiti!

Yves Rocher Italia diventa Società Benefit

Società Benefit vuol dire perseguire il duplice scopo di generare un impatto positivo non solo per gli azionisti ma anche per tutti i soggetti coinvolti nell'attività della società stessa. Ogni anno le Società Benefit sono chiamate per legge a dare rendiconto sugli impatti generati e sugli obiettivi che si erano poste l’anno precedente. «Con la scelta di diventare Società Benefit abbiamo dato inizio a un impegno e una partecipazione ancora più attiva sul territorio per poter essere protagonisti in Italia di un vero cambiamento e, a livello globale, affiancarci a tutte quelle aziende che, come noi, hanno intenzione di contribuire ad una vera evoluzione di paradigma. Ciò che sembra impossibile oggi, potrebbe essere possibile domani» - dice Benoit Ponte, Direttore Generale Yves Rocher Italia.

Riproduzione riservata
dmbeauty

3.059 posts 449k followers

Make up your life

Beauty cards