ragazza con smagliature

Cosa provoca (davvero) le smagliature?

Le smagliature sono dei segni che compaiono sulla pelle come conseguenza della rottura delle fibre elastiche dell’epidermide. Possono essere o di colore rosso-violaceo o bianche e coinvolgono sia uomini che donne. Conoscere le loro cause è importante per evitare che sorgano, oppure per ridurre la loro visibilità.

Le striae atrofiche, conosciute più comunemente come smagliature, sono delle lesioni della pelle che rappresentano un inestetismo molto diffuso, sia nelle donne che negli uomini. Questi inestetismi dipendono da differenti fattori e appaiono come strisce dell’epidermide leggermente infossate.

Il loro colore può variare dal rosso al bianco e possono comparire principalmente su fianchi, cosce, ventre e seno. Conoscere le cause di questi segni aiutano a intervenire sul proprio corpo sia per evitare che emergano, sia per ridurli e renderli meno visibili.

smagliature sulle gambe

Le cause delle smagliature

Le smagliature sono legate principalmente a cambiamenti molto rapidi del peso corporeo, ma non solo. Questi inestetismi sono legati anche a elementi come l’uso di farmaci a base di corticosteroidi, che riducono notevolmente l’elasticità della pelle, oppure allo stress. In alcune situazioni più rare, le smagliature sono causate da patologie pregresse.

Ciò che le accomuna in ogni caso, è che sono vere e proprie cicatrici conseguenti a fratture nelle strutture portanti dell’epidermide.

smagliature

Come nascono le smagliature

Per capire come emergono questi segni, è necessario prima di tutto partire dalla comprensione della struttura dell’epidermide.

La pelle è composta da tre strati:

  • epidermide: lo strato più esterno che riveste e le melanociti, le cellule responsabili della sintetizzazione della melanina, ossia del pigmento che colora la pelle;
  • derma: contiene i nervi, i vasi sanguigni, le ghiandole sudoripare e le strutture pilifere. Questa zona è ricca di tessuto connettivo, collagene ed elastina.
  • Ipoderma: rappresenta la parte più profonda che contiene il pannicolo adiposo sottocutaneo.

Quando la pelle viene sottoposta a casi più o meno gravi di stress, attraversa tre diversi momenti.

  • Fase infiammatoria: nel momento in cui il tessuto cutaneo viene sollecitato e non riesce a sostenere lo sforzo, si avvertono fastidio, bruciore e prurito. La trazione danneggia i fibroblasti (ovvero le cellule della pelle che producono collagene ed elastina) e soprattutto altera le loro attività.
  • Fase rigenerativa: l’attività dei fibroblasti si riprisina, ma le fibre di elastina rimangono aggrovigliate, mentre quelle di collagene si spezzano. In questo momento iniziano ad apparire le prime striature rossastre che sono sinonimo di un trauma della pelle e di una scarsa idratazione.
  • Fase di cicatrizzazione: la frattura nel derma si cicatrizza e la pelle la riempie con una soluzione costituita da tessuto fibroso, ossia la cicatrice. Questa però non presenta le caratteristiche della pelle sana, ma è ipopigmentata. In questa fase, le smagliature assumono il colore bianche che indica che il fenomeno è ormai in fase degenerativa e quindi irreversibile. Questi segni, oltre ad essere visibili, sono anche percettibili al tatto.
ragazze con smagliature

Da cosa dipendono le cicatrici

La predisposizione alla formazione delle smagliature è legata alla quantità di collagene ed elastina presenti nella cute, che se è molto basso determina una possibilità molto alta che questi inestetismi emergano, oltre a quella che si formino rughe. A differenza di ciò che si può pensare, le smagliature possono emergere sia nelle donne che negli uomini.

smagliature sulla pancia

Il legame con lo stress determina il fatto che il cortisolo, l’ormone dello stress, in particolari momenti di tensione non solo fisica, ma anche psicologica, riduce l’elasticità della pelle. Per lo stesso principio, anche l’applicazione di pomate a livello locale contenenti cortisonici rende la pelle più sottile e aumenta la probabilità che compaiano queste striature.

Anche alcune malattie che provocano l’alterazione della struttura del collagene (come per esempio la Sindrome di Marfan) possono causare un aumento del rischio di sviluppare le smagliature

Le principali cause delle smagliature

Le smagliature possono presentare differenti colori a seconda della fase di cicatrizzazione che sta affrontando la pelle.

Il peso elevato e l’effetto fisarmonica, ovvero il dimagrimento succeduto poi da una veloce ripresa dei chili, possono originare le smagliature, ma sono le uniche cause.

  • Le cure a base di corticosteroidi, come detto prima, determinano una riduzione dell’elasticità della pelle.
  • Durante la pubertà, quando inizia a formarsi il seno, i tessuti responsabili di questa crescita possono essere sottoposti a tensione e quindi determinare la formazione delle cicatrici.
  • Le smagliature giovanili possono sorgere anche tra i 14 e i 18 anni coinvolgendo non solo il seno, ma anche le cosce, l’addome e i glutei.
  • Le smagliature possono nascere più facilmente nei soggetti che sono affetti da disturbi della ghiandola surrenale, che causa un aumento del cortisolo nel sangue e quindi una perdita di elasticità e sopportazione degli sforzi cui viene sottoposta la pelle. Gli sbalzi del cortisolo sono legati principalmente allo sviluppo adolescenziale, alla menopausa e allo stress.
  • Anche durante la gravidanza è molto alta la probabilità che si formino delle smagliature ad altezza delle cosce, del basso ventre e sul seno: questo perché nel corso dei nove mesi il corpo è soggetto continuamente a cambiamenti e i tessuti sono particolarmente sollecitati.
  • Alcune condizioni patologiche possono determinare un maggiore rischio di sviluppare le smagliature, come per esempio la sindrome di Cushing, di Marfan o di Ehlers-Danlos.
smagliature sedere
Riproduzione riservata
dmbeauty

3.059 posts 449k followers

Make up your life

Beauty cards